tcw | Blog

Web Design & UX




4 strumenti per la UX da provare nel 2016

Category : Grafica, UX · by Jan 7th, 2016

Esploriamo 4 fantastiche novità che ogni UX designer dovrebbe avere nella sua “cassetta degli attrezzi” in questo 2016.

Un artigiano si sa, è buono se ha buoni strumenti di lavoro, e sia che lavoriamo il legno sia che ci occupiamo di Web design, gli strumenti che scegliamo vanno a determinare il prodotto finale del nostro lavoro.

Di seguito presentiamo quattro strumenti incredibilmente utili per UX designer, che si sono distinti nell’anno appena trascorso e che dovrebbero rimanere nel nostro flusso di lavoro anche per il 2016 e oltre.

1. Sketch

sketch

Il fondatore, Pieter Omvlee, pensava a Sketch come a un editor di immagini per il design digitale, ed è esattamente così. Disponibile ad oggi solo per Mac, Sketch lavora in larga misura come Photoshop, ma strizzando l’occhio particolarmente ai designer digitali. Sketch integra una logica CSS fin dall’inizio, una caratteristica utile quando è il momento di passare a sviluppare il design realizzato. Permette anche agli utenti di creare assets in formati differenti con una feature di ritaglio (“slicing” che chi come noi arriva a scrivere codice da Photoshop conosce bene) ed export di file con un unico click. Anche se il layout è Web design – friendly, crea diversi livelli per ogni oggetto aggiunto.

2. UserTesting

user

La ricerca sugli utenti e i test di usabilità sono essenziali nel processo di design della UX, ma non devono penalizzare le nostre deadline o affossare il budget a disposizione.

UserTesting ha in sè la comodità di reclutare utenti, di amministrare il test da remoto, e di presnetare i risultati in un’ora. Si possono anche registrare gli utenti durante il test, così da poter monitorare le loro reazioni e vedere i loro schermi. UserTesting lavora con siti e app già pienamente funzionanti ma può accettare anche prototipi.

Un’altra grande figata di UserTesting è che il livello di utilizzo è scalabile. Si può optare per avere un test progettato direttamente da un team di ricerca interno, o che un project manager supervisioni che riusciamo a raggiungere gli obiettivi.

3. UXPin

uxpin

Se stiamo cercando un software che ci porti dall’inizio alla fine, dal wireframe abbozzatto fino al prototipo fedele, UXPin è una scelta che sta trovando sempre più consenso, specialmente per coloro che si specializzano in UX. La piattaforma collaborativa di design gestisce ogni passo del processo di design con attenzione speciale, e porta avanti l’intero processo mantenendo tale processo in un unico posto visibile per il feedback di tutti i soggetti interessati.

Ma quello che fa veramente la differenza con UXPin è che fornisce robuste soluzioni.

Per prima cosa, possiamo importare sia progetti Photoshop che progetti Sketch, per prototipare senza perdere i livelli di lavoro (!). E in più, la app offre interattività nel processo di wireframing per test fin da subito.

4. Optimizely

opt

Come UserTesting, citato poco sopra, Optimizely è un servizio per testare i nostri progetti. Comunque, Optimizely si concentra su uno specifico tipo di test, l’A/B testing, cosicchè i designer possano vedere quanto efficacemente un’interfaccia “converta”.

Gli A/B Test possono efficacemente determinare le statistiche delle preferenze di utilizzo tra due opzioni qualsiasi, tramite il test su un gruppo di utenti e registrare le loro scelte. E’ possibile testare di tutto, dalla posizione di una Call To Action al colore di un bottone. Normalmente quando si fanno questi test, ci sono una miriade di fattori che possono corrompere l’analisi, come per es. la tipologia di utenti invocata oppure il momento della giornata, per citare quelli più rilevanti.

Optimizely gestisce persino i dettagli più piccoli, così l’unica cosa di cui dobbiamo preoccuparci è fare i conti con i risultati. L’interfaccia è incredibilmente facile da usare, così non abbiamo bisogno di un background tecnico per capire quello che viene riportato. Questo consente agli UX designer di avere più libertà per sperimentare, e punti fermi sui quali fare leva quando si tratta di difendere una decisione di fronte ai beneficiari del nostro design.

Quali altri strumenti sentireste di consigliarci per questo 2016? Diteci la vostra!

 

 

SHARE :

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *